Nuova costruzione cambio della sagoma

La seconda sezione civile della Corte di Cassazione nella sentenza n. 20718/2018 ha ribadito che la sopraelevazione costituisce, a tutti gli effetti, nuova costruzione, così come anche il solo rifacimento di un tetto quando comporti l’aumento delle superfici esterne e dei volumi interni, pur se dei piani sottostanti.

“Questa Corte ha in più occasioni evidenziato come, ai fini dell’applicazione della normativa codicistica e regolamentare in materia di distanze tra edifici, per nuova costruzione debbasi intendere non solo la realizzazione a fundamentis di un fabbricato, ma anche qualsiasi modificazione nella volumetria di un fabbricato precedente che ne comporti l’aumento della sagoma d’ingombro, in tal guisa direttamente incidendo sulla situazione degli spazi tra gli edifici esistenti, e ciò anche indipendentemente dalla realizzazione o meno d’una maggior volumetria e/o dall’utilizzabilità della stessa a fini abitativi”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *